poesie_ciapetti

RADICE GENEALOGICA

 

Scorgo da un velo leggero

due occhi color notte,

capelli ribelli esplodono

da un cappello di seta,

due labbra grandi,

come il desiderio di baciarle,

perfetti denti d'avorio

mostrano un sorriso vero,

contaminando un'allegria insperata.

Eppur morir per te,

non sarebbe un triste fato,

ma il compimento naturale

verso un ritrovato amore

congiuntosi alla terra.

Vestirmi della tua pelle d'ebano

in simbiosi col sole,

avendo per una volta

quell'energia interiore,

movimentando cuore e muscoli,

ritmando sinuosi balli

e inebriarmi del profumo

prossimo alle tue carezze.

Amandoti non sazierà la mia sete di passione!

Seguirti non mi farà trovar la via!

Portarti nel cuore e prenderti per mano,

respirarti profondamente legando la mia vita a te,

mi donerà la radice dalla quale nascere

e una madre per esserne fiero,

in quanto fonte di vita

affidabile ed eterna,

come le sofferenze sopportate

da ormai troppi secoli.

GIULIANO CIAPETTI